L’Oro da Bretton Woods ad oggi, in un nuovo scenario di riferimento

Oro e argento stanno beneficiando dei timori che la politica monetaria adottata dalle principali Banche Centrali internazionali possa condurre ad un incremento dell’inflazione nei mesi a venire.
Viene osservata con grande preoccupazione la dinamica dei debiti pubblici, stimati in crescita esponenziale. A questo aggiungo che va a sommarsi un robusto debito di tutto il settore privato, per cui un basso livello dei tassi d’interesse rende il metallo giallo un bene con un costo opportunità molto basso da tenere in portafoglio.
Non da ultimo, è sempre più sotto la lente la circostanza l’andamento del dollaro nel ruolo di valuta di riferimento. Come già ho avuto modo di scrivere in altri articoli, viene spesso riscontrato che esiste una correlazione che potremmo sintetizzare con “il dollaro si svaluta e l’oro si rivaluta”.
In tutto questo, un capitolo importante nello scenario mondiale è dato dalla Cina.

Pechino detiene una riserva in dollari di circa 2000 miliardi in valuta, ed oggi si sta ponendo seriamente il problema se questa possa garantire un valore stabile in futuro; è quindi dal 2003 che procede gradualmente ad un aumento delle scorte di metallo giallo, da 454 tonnellate a 1054 circa, con l’obiettivo di arrivare a 6000 tonnellate nel giro dei prossimi cinque anni.
Quindi il fenomeno che si sta vivendo è sintetizzabile in un sistema, dato dalle Banche Centrali che è tornato ad essere soggetto compratore e non venditore di metallo giallo. Anche India e Mauritius, ad esempio, che negli anni ottanta erano nei confronti del metallo in questione venditori, oggi invece sono acquirenti. Se facciamo un salto ancora indietro, negli anni settanta, l’oro ha perso la sua funzione di àncora nel mondo delle valute, proprio con la fine del sistema valutario di Bretton Woods, che ha sancito la fine dello standard aureo.
A suo tempo l’ex Governatore della FED Laurence Meyer affermava che “l’idea era quella di instaurare regole del gioco semplici e solide e la regola diceva che il denaro doveva essere coperto dall’oro, in modo tale che sostanzialmente fosse l’oro a determinare la quantità di denaro ed il livello dei prezzi”; insomma “l’idea della parità aurea si proponeva di eliminare l’arbitrarietà. la gente voleva una valuta stabile e il Governo doveva tenersi fuori …”.
Ma poi dagli anni settanta i Governi hanno avuto mano libera ed in questo scenario non tutte le Banche Centrali si sono potute comportare allo stesso modo. A esempio la FED oltre ad avere l’obiettivo di contenere la sua inflazione ha l’arduo compito di garantire una generale stabilità economica, a differenza di altre banche Centrali che hanno un’operatività molto più locale/regionale.
E allora torniamo a quanto dicevamo, al fatto che il metallo giallo e l’argento, che gode anche dei benefici della ripresa economica come materia prima industriale, beneficieranno delle politiche monetarie delle Banche Centrali.
Questa riflessione, di illustri uffici studi internazionali, pare determinata dallo stesso modello di finanziamento dei pacchetti a sostegno dell’economia, che costringe la FED a corrispondenti finanziamenti con emissioni di liquidità. A queste corrispondono l’incrementarsi dei debiti statali, e tanto più la politica monetaria corrispondente comporterà aumenti dei tassi nel medio/lungo periodo. I conseguenti aumenti dei debiti degli Stati si ripercuotono, però, su l’incremento delle uscite per il pagamento degli interessi (a tassi verosimilmente più alti, come è facile intuire per il surriscaldarsi dell’economia). Quindi con scenari di tassi d’inflazione prospettivamente crescenti ed una difficile gestione dei debiti da interessi, la prospettiva per una valuta americana più debole, pare essere il male minore. Tutto questo come sappiamo va a vantaggio del metallo giallo, un clima ottimale, unitamente all’atteggiamento di acquirenti come le stesse banche Centrali di cui dicevamo.

Al lettore le proprie conclusioni, la comune logica credo possa essere d’aiuto. Un’ultima cosa, che credo valga la pena tenere presente in un’ottica di diversificazione di portafoglio, tra il breve il medio ed il lungo periodo: rispetto a gli asset azionari come lo S&P500 americano, la correlazione dell’oro è stata misurata come pari a 0,1 quando quella con il petrolio è ben lo 0,5. Teniamo presente che la forbice può variare tra 1 e -1, tra la massima correlazione ed al contrario quella che viene detta la correlazione inversa.

Annunci

Oro nel nuovo scenario: tra diversificazione e rifugio

Come non prestare attenzione al principale dei metalli preziosi, in una fase congiunturale come quella che stiamo vivendo!

Il suo connotato tipico è quello di avere una duplice caratteristica:

  • quella di avere veste di indice vero e proprio, capace di anticipare l’andamento di inflazione e tassi di mercato
  • quella di forma ordinaria di utilizzo del capitale, decorrelata dalle principali asset class d’investimento,  caratteristica confermata dalle classiche metriche della modern portfolio theory.

Quindi l’oro sembra essere molto più di un semplice “bene rifugio”, come spesso si usa dire:

  1. realizza incrementi positivi, a volte sensibili, quando il mercato azionario e obbligazionario sono in sofferenza (decorrelazione): è caratterizzato da una bassa dipendenza da questi. Infatti, studi realizzati da economisti del Credit Suisse hanno riscontrato che il prezzo dell’oro tende a crescere circa del 20% l’anno quando ci si trova in fasi congiunturali con tassi reali vicini lo zero (tassi reali su i Fed fund)
  2. presenta una relazione inversa (decorrelzione) con il biglietto verde, per cui quando tale valuta è sotto pressione (scende), la rispettiva quotazione dell’oro sale; come se il dollaro forte implicasse, di fatto, vendite sull’oro e viceversa
  3. gli viene poi attribuita la non secondaria vocazione di indicatore, cioè  fa capire in anticipo il futuro andamento di inflazione e tassi di mercato (cfr. “Oro indicatore affidabile per inflazione e tassi d’interesse” di questo sito).

Quindi in un’ottica di bilanciamento delle proprie disponibilità investite,  anche a colui che è meno esperto potrebbe balzare all’occhio, che a parità di rischio sopportato, l’utilizzo di una bassa correlazione aumenta  proporzionalmente il rendimento complessivo e viceversa: vuol dire in pratica aumentarne l’efficienza dell’investimento, senza citare chissà quale teoria di portafoglio.

Non dimentichiamo però che il metallo giallo è la principale riserva, asset negoziabile dalle banche Centrali di tutto il mondo e rappresenta inoltre un’importante materia prima per la realizzazione dei semiconduttori. La prima circostanza delle due, potrebbe però portare, in periodi di instabilità come quelli odierni, ad una vendita più pronunciata delle riserve auree da parte delle stesse Banche Centrali e del Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel disperato tentativo di finanziare la sostenibilità dei bilanci statali.  Inoltre i dati della BCE (Banca Centrale Europea) per l’anno 2008, ci dicono che le vendite sono state poco significative; anche questo potrebbe non deporre a favore del metallo giallo per il 2009. Per finire, i dati storici dell’oro evidenziano che le quotazioni, tra rialzi e ribassi, hanno un’ampiezza di circa sei/sette anni. Quindi soltanto la sua qualifica di “bene rifugio” o “porto sicuro” che dir si voglia, potrebbe lasciar presagire momenti soltanto positivi per i prossimi anni.

Una buona pianificazione, nel perseguire l’obiettivo di diversificare il patrimonio rispetto alle altre asset class più tradizionali,  può facilmente utilizzare i cosiddetti ETC (Echanged Traded Commodities). Questi strumenti replicano passivamente la performance della materia prima o degli indici di materie prime a cui fanno riferimento, rientrando a pieno merito nella famiglia dei “cloni” (cfr. def. Borsa Italiana) e sono perfettamente liquidabili e negoziati in Borsa come azioni. Rispetto al bene fisico hanno maggiore facilità di utilizzo, quindi una trattazione trasparente; nel caso delle monete d’oro o dei lingotti lo scambio potrebbe subire condizionamenti, per il fatto che il prezzo potrebbe  scontare effetti distorsivi,  sia per lo stesso contenuto in oro puro dell’oggetto, sia per la domanda e l’offerta del bene specifico di cui si sta trattando.

Le commodity sembravano immuni, invece …

Le commodity tengono duro, ma non ce la fanno a sottrarsi all’ondata di ribassi che sta colpendo le Borse internazionali. Nell’ultimo mese (fino al 17 dicembre e calcolato in euro) l’indice Msci del settore ha perso quasi l’1%.

La responsabilità è da attribuirsi alle solite motivazioni di questo momento congiunturale, subprime in testa. Si è innescato un meccanismo di rallentamento globale e ci potrebbe essere una contrazione della domanda di materie prime anche dai Paesi in via di sviluppo. L’indice Msci del comparto nell’ultimo mese ha perso quasi l’1%.

Gli Etc (Exchange traded commodity) consentono agli investitori privati di sfruttare i movimenti delle materie prime, quindi di investire su queste, ma con i vantaggi di un normale titolo azionario; ideali quindi per sfruttare questa fase di mercato che le ha viste salire di valore nel passato recente e per le quali potrebbe iniziare un periodo di flessione. Hanno un prezzo che è legato direttamente o indirettamente all’andamento della commodity sottostante. Il loro valore, quindi, è strettamente legato all’andamento del prezzo spot della materia prima eventualmente convertito in euro, nel caso in cui la valuta di negoziazione di quest’ultima sia diversa da quella euro.