Cambio regime fiscale fondi d’investimento italiani


Da oggi, 1 luglio 2011 entra in vigore, a seguito dell’attuazione del decreto legge n.225/10 (Decreto “Milleproroghe”), la riforma del regime fiscale dei Fondi comuni di investimento italiani.

In particolare, dal 1° luglio viene abrogato l’attuale regime di tassazione sul risultato maturato e introdotto il regime di tassazione in capo ai partecipanti al momento della percezione dei proventi (c.d “sul realizzato”). In tal modo il nuovo regime fiscale si adegua a quello previsto per gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio (OICR) di diritto comunitario ovvero le operazioni di rimborso e di switch tra fondi saranno considerate fiscalmente rilevanti. La SGR agirà, pertanto, da sostituto d’imposta sul capital gain generato dal disinvestimento.

Per quanto concerne gli OICR esteri, a seguito del recepimento della Direttiva 2009/65/CE (c.d. normativa UCITS IV), è previsto che, sempre a partire dal 1° luglio 2011, le conversioni (switch) fra comparti di una stessa Sicav siano considerate fiscalmente rilevanti e anche per questa fattispecie il “Soggetto Incaricato dei Pagamenti” agirà da sostituto d’imposta considerando l’operazione di switch una doppia operazione: rimborso e sottoscrizione.