Covered bond: obbligazioni garantite


Da maggio 2007 Banca Italia ne ha emesso i regolamenti attuativi, volti all’introduzione di questi nuovi strumenti in Italia.
Queste obbligazioni, i Covered Bond, sono garantite da portafogli di mutui immobiliari oppure da crediti nei confronti di Enti pubblici. La loro struttura è tale che il sottoscrittore vanta il credito verso la Banca che le emette e non verso un cosiddetto “veicolo”, registrato in un paradiso fiscale.
Quindi in questo caso la “società veicolo”, costituita appositamente, acquista sul mercato mutui ipotecari e altri crediti, in subordine ad un prestito della stessa Banca che vuole emettere il prestito garantito. Il portafoglio acquistato serve quindi a garantire l’obbligazione emessa dalla Banca ed a pagare gli interessi sul prestito. Qualora la Banca dovesse risultare insolvente, allora la “società veicolo” corrisponde capitale e interessi ai sottoscrittori, con l’effetto di rendere questi strumenti più sicuri delle normali obbligazioni bancarie.

Si evince chiaramente che stiamo parlando di strumenti totalmente diversi dalle asset backed securities, incriminate in questi periodi per quanto concerne il fenomeno dei subprime.