Risarcimenti per i danni dei grandi crack


L’articolo 46 della Finanziaria 2006, introduce un fondo di indennizzo per i risparmiatori vittime di frodi finanziarie.
Aspetto meritevole di attenzione per un contesto ancora poco maturo come il nostro, a perer mio lontano dagli standard americani in tema.
Dall’articolo che riporto risulta però che oltre ai depositi in denaro, come si evince dal Ddl, il fondo speciale potrà attingere anche alle cassette di sicurezza, ai libretti di risparmio, assegni circolari mai rimborsati, titoli azionari e obbligazionari appartenenti a persone decedute o scomparse che non risultano più movimentati da almeno cinque anni.
Qualche perplessità, però, vien fuori dai parametri con cui stabilire dopo quanto il fondo di garanzia potrà “metter mano” ai risparmi dormienti.
Buona lettura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...